Still alive…

at MakerFaireRome, again, with FabLab Torino!

Annunci

On Hackaday Prize

Finally I decided: it is time for a new starting, for a new story. Leaving aside grudges and sadness.
Because Aloise is still waiting for the turbine, and so Juma in Jambiani, and wind is still blowing hard, over there, without anyone harnessing it!

So let’s go with this new adventure, from what I learned about wind, fluid dynamics, mechanics and so on, with Mirko, and let’s have a look into the future. I want this wind turbine to be built, to be completed! It is time!

Follow the project on Hackaday, too!

 

Anemometer and sensors logging, 2: build a single-board computer

Following lines are for those who doesn’t now so much about linux distros, single-board computer, terminal, shell, installations. For sure an IT guy will find them a bit simplistic, but the target is our African friends and whoever just want to start. So please, be patient with my IT mistakes!

Ok, it’s time to start to build a place where I can put my data.

Allright, the cloud is a great thing, encryption is a great resource but…I prefer to have my data. At least, every time I want / I need my data to be only mine.

I know and I’ve been using some nice IoT platforms able to store data: Xively, Thingspeak, Carriots, just to say about. They are good, works well the way I will try to explain I did, but sometimes you need to pay, sometimes you have limited data plans, sometimes you may think “where the hell are my data?”

So I decided to have a personal server. I’m a mechanical engineer, I started few years ago to study about these themes, it requires time and a bit of skills.

What I was looking for was a cheap computer able to collect data and serve them whenever I needed. And, for sure, I wanted a low power computer. 10 years ago this was difficult to find for a non-IT worker.

Things changed with Raspberry Pi. I never bought one, but I feel grateful to Raspberry foundation because of their effort. In a few years a lot of single-board computers grew up, and now you can choose between UDOO, Raspberry, Banana Pi, Orange Pi, etc.

SoC computers

I bought (ok, I funded…) a Cubieboard three years ago. A great piece of hardware, with a growing communities (here the most interesting) which aided me a lot to understand how to move around with installations.

After many installations, re-installations, usually concerning Debian or Ubuntu, I finally landed on Armbian.

logo_v4

Igor Pečovnik , the owner of the website, is a great guy from Slovenia who is building distros for many different single-board computer platforms, have a look here. I don’t know why he is doing this, if there’s a business model or is just for fun, but his work is really great.

So now I’m using Armbian on my Cubieboard A10, a Debian Wheezy version you can download here. There are two versions, “legacy” and “vanilla”, the key difference is which kernel is used: legacy uses an older and stable one, vanilla lies on a newer one, even up to the newest one.

I tried both ones: vanilla doesn’t seem to work well with my webcams (yes, I will show you how to use webcams too), so I decided for legacy.

Installation is not difficult. After downloading the preferred distro, extract the image file: in the archive you will find some files, and a .raw file such as Armbian_5.00_Cubieboard_Debian_jessie_3.4.110.raw

This file has to be flashed on an microSD card.

If you use Windows, ok, shame on you: I can’t help you nothing more then telling you to use the imagewriter.exe file inside the archive, hoping you will decide to cure your Windows-mania…

If you use a Linux distro, well, it is simple: open a terminal, move to the folder containing the .raw file, then just write

dd bs=1M if=filename.raw of=/dev/sdx

as root user, where /dev/sdx is SD card device. Or, which is the same:

sudo dd bs=1M if=Armbian_5.00_Cubieboard_Debian_jessie_3.4.110.raw of=/dev/mmcblk0

Be careful: usually /dev/sda is your system folder, /dev/sdb your home directory, using these you will destroy your system!
Usually SD card are identified by /dev/mmcblk0, depending on the system you are using.

It will take some minutes to complete flash process. Then unmount if mounted, extract, insert in microSD card slot on Cubieboard, connect a monitor and turn on. Better if Ethernet is connected and Internet available for immediate updates.

After a few minutes login prompt will appear: on first boot only root user is present, and password is 1234, you are requested to change it.

Then you can create your personal user, with

adduser user1

(user1 is an example username).
Then you need to insert your user in the sudo group, to have access to some SuperUser functionality:

usermod -aG sudo user1

The system is ready, now!
Ok, there’s no desktop environment neither desktop manager, by now; it is better/simpler to install one.
To install XFCE and LightDM type:

apt-get -y install xorg lightdm xfce4 tango-icon-theme gnome-icon-theme

To install MATE and LightDM:

apt-get -y install xorg lightdm mate-desktop-environment mate-desktop-environment-extras tango-icon-theme gnome-icon-theme pluma

Whatever was your choice, at the end of the installation it is time to reboot PC, so:

reboot

After reboot you will have a login screen: get in with your username and password, the system is on!

Maybe now you would like to disconnect the monitor, in order to leave it alone, just as low power companion on your desk. Ok, you can access and control it without any monitor, simply you need to install a VNC client on your computer (I use Vinagre on Ubuntu, many others are available) and a VNC server on the Cubieboard.

So open a terminal on Cubieboard (nice: for some minutes you need to connect your monitor again!) and write

sudo apt-get install x11vnc

Now, since x11vnc server will start only after login, you need to activate autologin. After a look here (or here, italian version) it is clear you have to modify lightdm.conf.

In a terminal:

sudo pluma /etc/lightdm/lightdm.conf

find the following lines inside it

[SeatDefaults]
#autologin-user=
#autologin-user-timeout=0

and uncomment them, then change to

[SeatDefaults]
autologin-user=user1
autologin-user-timeout=0

Save and exit terminal, then reboot. You should get in automatically.

Now open menu, system, preferences, startup applications (on MATE; on XFCE maybe it is a little different)

 

x11vnc-startup

and add (inside “command”)

x11vnc -forever

Save and exit.

Now open your browser, access to your router and change settings in order to permit communication between your Cubieboard and your PC: this means you have to open port 5900, the one used by VNC communications.

While dealing with router, have a look to IP address assigned to your Cubieboard, i.e. 192.168.1.5: you will need to now to access Cubieboard.

forwarding

Then open your VNC client on your PC, type Cubieboard address (i.e.: 192.168.1.5:5900) and enjoy your single-board computer.

Next ride: we will install a web server and a database to store data.

(to be continued…)

Convalescenza e primavera

Il VentolONE è in convalescenza, i lettori l’avran capito ormai. Chi scrive aveva e ha bisogno di rasserenarsi e lasciarsi alle spalle le delusioni, umane prima di tutto.

Poi viene la primavera, però.
E con essa, un “pochino” in ritardo, una agognata scheda a microcontrollore, che mi permetterà di concretizzare definitivamente l’anemometro autonomo e indipendente dalla rete di telecomunicazioni.
Insomma: ben arrivato mr. Konekt Dash Pro!

image

No Maker Faire, no party!

Quest’anno, contrariamente a quanto baldanzosamente dichiarato qualche tempo fa, il VentolONE non sarà alla Maker Faire di Roma che inizia domani.
Ci siamo resi conto, ai primi di settembre, che il carico derivante dalla gestione della stessa con forze ridotte, le “ossa rotte” dal fiasco di openGalileo, gli impegni nuovi in arrivo per alcuni di noi (la cicogna piuttosto che l’immissione in ruolo a scuola) rendeva insostenibile la cosa.
La sorpresa di leggere la mail di risposta degli organizzatori nella persona di Alessandro Ranellucci, l’affetto tributatoci e il loro dispiacere sincero spingono a perseverare…ma in fondo mica ce n’era bisogno, la tenacia piemontese ci appartiene fino nel midollo.
Così stiamo proseguendo, con occhi nuovi e nuovi approcci, più lenti, africani, ordinati.
E tuttavia mi trovo, ancora una volta, in viaggio verso la Maker Faire di Roma, con la scuola dove insegno, con i colleghi e con i miei studenti (per chi vuole, stand C4 e C5), intanto che la convalescenza del VentolONE va avanti…

image

openGalileo chiude – openGalileo is over

Insomma, si chiude.

L’esperienza, l’esperimento di openGalileo, l’idea di coniugare aspetti sociali della nostra impresa e aspetti commerciali per sostenere la stessa…beh, è fallita.
Chi scrive gestisce questo spazio web dalle origini e ha dato vita al progetto VentolONE.
Ne ha viste di cotte e di crude, ha vissuto in prima persona la fatica a reperire fondi, a conoscere e mescolarsi con altre esperienze, a realizzare prototipi con risorse limitatissime, a reggere la delusione di fronte ai fallimenti.
Chi scrive non ha però mai avuto a che fare con una situazione quale quella creatasi nella società.

Ho riflettuto a lungo circa la possibilità di passare tutto sotto silenzio piuttosto che raccontare tutto per filo e per segno…e sì che ci sarebbero tante, tante cose da raccontare!
L’idea che mi son fatto è che i lettori, gli amici maker e tutti i donatori di questi anni abbiano diritto di sapere, e che al tempo stesso un racconto dettagliato sarebbe solo …triste, per la pochezza umana di tante persone sperimentata in questi 10 mesi.
Le difficoltà han generato un diradamento spinto degli articoli pubblicati perché si rischiava ogni volta di finire per avvocati: ora che siamo in liquidazione si è potuto riprendere a pubblicare.
Le difficoltà han generato uno sfaldamento anche del gruppo originario, che ha vissuto una crisi profonda: resta chi ha superato quella crisi, e chi desiderava e desidera fino in fondo vedere il progetto progredire.
Le difficoltà han portato alla luce in maniera netta chi ci metteva del suo e chi ci ha messo le chiacchiere, chi crede nella finalità sociale del progetto e chi voleva preservare il capitale investito: di fronte a questo la cernita è stata naturale, e spietata.
Le difficoltà hanno delle cause che penso siano da ricondurre a tanti fattori, tra i quali i seguenti:

  • c’è stato un atteggiamento e un approccio provinciale da parte mia e del gruppo originario: è una startup, mica una scampagnata! Posso pensare di imparare facendo, come abbiamo fatto in questi anni dal punto di vista tecnico, ma in tal caso devo potermi fidare ciecamente dei miei compagni, del fatto che non mi pugnaleranno alle spalle in punta di Diritto Civile;
  • c’è stata la paura di alcuni membri della società di prendere posizione quando le cose precipitavano: non dovevano star zitti di fronte ad alcune scelte in palese contrasto con il codice etico sottoscritto da tutti, se si cede su questo il resto come può andar bene?
  • ci siamo fidati di persone che, pur avendoci sostenuto fin dall’inizio, una volta in società per calcolo o per incapacità non han saputo né voluto mitigare le divergenze che emergevano, facendo invece pesare il loro voto in assemblea nella direzione opposta a quei valori dichiarati, sbandierati, sottoscritti. “i soldi non sono un problema” è molto bello da dire e molto vero probabilmente, ma probabilmente il desiderio di preservare i soldi a tutti i costi un problema per qualcuno lo è diventato, anche quando si facevano scelte per lo meno discutibili. Chi scrive soldi ne ha messi tanti, tantissimi, dall’inizio, senza troppi calcoli se non quelli della fine del mese;
  • mi e ci siamo fidati, soprattutto, di un personaggio che fino al giorno prima della decisione definitiva di dare avvio all’impresa si è comportato correttamente, con quella dose di simpatica milanese spavalderia che reputavamo utile per vincere il nostro provincialismo. Poi è venuto fuori il resto, un personaggio tanto abile con le parole quanto vuoto nei contenuti (non, non è fiorentino e non si chiama Matteo!), inconcludente, capace di sfiancare anche il più prudente tra di noi con quel carico di acrinomia e sfiducia verso gli altri che dimostra quanto poco ci abbia conosciuti: sempre convinto che io e gli altri gli si volesse fare le scarpe, incapace di vedere i cambiamenti radicali di atteggiamento quando ci son stati per il bene della società, scorretto nelle relazioni umane e scorretto nelle relazioni societarie, incapace di scusarsi nemmeno di fronte agli errori incontestabili. Un chiacchierone, un morto di fame che ha gettato addosso a me e al gruppo una grande, grandissima sfiducia verso il prossimo, verso il futuro: se non son capace a far prevalere la ragione e la scienza nemmeno in un contesto tecnico, se un chiacchierone qualunque è in grado di far saltare relazioni e amicizie oliate, rodate, radicate…di chi mi potrò fidare in futuro?

Se basta un personaggino simile a metterci in difficoltà… come possiamo immaginare di cambiare alcunché del nostro piccolo angolo di mondo?
Se un personaggino simile finisce in TV nazionali (oggi a SkyTG24) a parlare di ciò in cui è presunto esperto, rispetto al quale abbiamo appurato la effettiva pochezza, ecco, allora nel nostro Paese conta solo raccontare bene le cose (aah, lo “storytelling”…), il merito va bene a riempir la bocca, e quando salta fuori che è solo fuffa…si sposta l’attenzione su qualcos’altro con la più semplice applicazione dello straw man argument … Di quanti altri cialtroni televisivi ci siamo bevuti negli anni un sapere inesistente, non potendo verificare come invece in questo caso? Tanti, tantissimi, di sicuro, per lo più senza accorgercene se non dopo.
(Al riguardo abbiamo un altro bell’esempio italiano da raccontare, tenuto in caldo da gennaio, ma i vincoli societari mi hanno impedito di esporlo, con un po’ di scienza: ci torneremo).

Infine: questo blog e questo sito han rischiato seriamente di sparire, di finire in mano a quel personaggio: quando il tizio si è appalesato meglio per quel che era e per qurl che faceva e voleva, la possibilità è stata rifiutata con fermezza, generando tanti malumori. Ora capisco meglio il rischio corso, e ringrazio chi al FabLab a Torino mi ha aiutato e consigliato per il meglio.

Insomma eccoci qui.
In questa estate bollente lavoriamo sodo per completare gli aspetti tecnici che ancora mancano, come potete vedere negli articoli recenti, e per ricostruire su basi più solide le relazioni umane che contano, quelle che han dimostrato di valere anche nella divergenza di opinioni.

——

openGalileo is over, finally.
Our experiment in entrepreneurship has gone, and we are not going to cry for this!
Some relationships and some friendships are gone with the society, some others are still alive.
The project goes on, fortunately we preserved it from those difficulties and from those persons interested only in making money with it.
Life goes on!

Stampaggio con resina da colata – Permanent cold casting

Nell’ottica di ottimizzare la realizzazione dei profili alari, e poterne costruire quanti ce ne pare, con il profilo che ci pare, con la minor spesa possibile, stiamo sperimentando la produzione con stampaggio in resina.

In estrema sintesi: prima si costruisce in silicone la conchiglia (il negativo) attraverso il prototipo stampato in 3D, poi si cola la resina.

I risultati al momento sono soddisfacenti, a breve un resoconto pubblicato su Instructables! Per ora un po’ di fotografie!

——

In order to improve our techniques for airfoil blades making we are testing some permanent mold casting.

3D print of the airfoil, silicon made shell, then the resin: good results, by now, as you can see in the following photos!

As soon as we better the procedure an Instructables will be published, next week!

IMG_20150717_111608

IMG_20150717_111656

IMG_20150717_111702

IMG_20150717_115059

IMG_20150717_115141

IMG_20150717_131258

IMG_20150720_091215

IMG_20150720_101524

IMG_20150721_100848

IMG_20150721_100854

Solar Stirling engine

…e per non farci mancare nulla qualche primo timido passo nell’uso dell’energia solare per alimentare un motore Stirling, di cui abbiamo già parlato qui!

——

In order to move towards testing and experimenting solar energy to power a Stirling engine, here we are with some tinkering around a commercial cheap Stirling engine bought on Aliexpress with a solar dish, covered by silver adhesive film!

VAWT laser cutting, update

Veloce aggiornamento: da cosa nasce cosa e l’appetito viene mangiando….quindi oltre a estendere l’indagine anche alla turbina Savonius e alla Lenz abbiamo pensato di costruirci una agevole scatola per contenere e trasportare il kit.

image

All’inventore del taglio laser tutta la nostra riconoscenza!

image

La prossima settimana caricheremo anche i disegni della scatola, oltre a quelli per il kit aggiornati, presumibilmente su Instructables!